Type to search

Nicola Fasano
Ceramiche antiche dal design contemporaneo

Artisti & Artigiani

Nicola Fasano
Ceramiche antiche dal design contemporaneo

Ci piace perché sono tutti piatti, ciotole e manufatti unici, opere d’arte personalizzate che irradiano il calore della Puglia. Una genia di artigianato plurisecolare proiettato nel futuro, con colori e maestria.

Biografia

L’arte di plasmare la materia con antiche tecniche e nuove sperimentazioni pittoriche e d’uso, ci emoziona come veder nascere una nuova opera, ogni volta diversa nella sua eleganza e originalità.
Quali radici ha la vostra stor
ia?

“Sin dal 1623 si hanno notizie di una bottega con questo marchio, mentre è testimoniato che da 18 generazioni noi con i membri della ditta Ceramiche Nicola Fasano abbiamo svolto incessantemente i lavori di tornianti, decoratori e fornaciari, portando a livelli mondiali la conoscenza dell’arte figulina grottagliese. Grottaglie, infatti, è la nostra identità, il nostro passato, presente, futuro. Qui troviamo ampie grotte e costruzioni scavate nel tufo, antri attigui e sovrastanti per incastonare gli antichi forni a legna. 

Grottaglie deriva dal latino Kriptalys e dal greco Κρυπταλύς, città delle grotte, ma in realtà è conosciuta come città della ceramica, poiché vanta giacimenti di ottima argilla nel sottosuolo e una storia plurisecolare.

Dicono che la ceramica in Puglia sia nata quando il primo troglodita delle Murge o del Gargano, impastando casualmente il fango d’argilla con l’acqua e lasciandolo al sole, si è accorto che, essiccandosi, diventava duro quasi come una pietra. Cominciò così a modellare quel fango seguendo il cavo della mano e creò la prima ciotola per attingere acqua. Poi l’invenzione della ruota portò alla creazione di quella macchina semplice e straordinaria che fu il tornio”.

Il set Galletto

Il nome Fasano qui è sinonimo di ceramica. Nicola, nostro nonno, creò la Fasano ceramiche, attualmente gestita da noi, in primis nostro padre, Franco Fasano. Colori, allegria, il profumo di argilla, di smalti, il calore dei forni ci appartengono fin dall’infanzia. Una delle nostre collezioni più richieste è frutto di un ricordo di mio papà bambino, a cui rimasero bene impressi nella memoria dei piatti molto grandi di sua nonna: erano da portata con un galletto al centro.

Questo piatto era stato dimenticato, ma nel momento in cui lui ha voluto proporre qualcosa di nuovo ha creato un set piano, fondo e frutta con un galletto al centro, cosa che prima non si usava assolutamente poiché si mangiava tutti nello stesso piatto grande.

Pensò che portarlo in fiera potesse essere una novità apprezzata. Ciò fu confermato dal fatto che i turisti che allora vistavano la fabbrica ne acquistarono subito talmente tanti pezzi che abbiamo dovuto preservare una serie per esporla in fiera. Sono passati più di cinquant’anni e il set Galletto è tuttora il bestseller”.

Caratteristiche plasmate ad arte

“Nella sua storia millenaria l’arte ceramica si è evoluta: la qualità della materia prima, i metodi di cottura, la tecnica artistica. Tuttavia, nella nostra azienda vige ancora la regola imprescindibile del rispetto dei tempi della terra. I manufatti, infatti, essiccano in modo naturale, condizionati dalle stagioni, dal tasso di umidità e dai venti.

Altra nostra caratteristica è la vasta gamma di ceramiche prodotte, da quelle più classiche a quelle contemporanee. Per evolvere e inventare qualcosa di nuovo occorre una profonda conoscenza del passato, dei decori tradizionali e delle antiche tecniche. E questa ricerca avviene continuamente con la cooperazione di designer nazionali e internazionali.

Nascono così delle ceramiche artistiche che traspongono il design contemporaneo in un oggetto di potenziale uso comune, come piatti, ciotole, pentole, anfore, pomi, lampade e decori di ogni genere, in un caleidoscopio di forme e colori, sobrietà ed esuberanza”. 

Unicità

So che lavorate anche per architetti famosi e molto viene realizzato “su misura”.

“Ogni giorno sperimentiamo e creiamo, valorizzando visioni future ma anche aderendo con passione al mestiere dei nostri antenati, senza adeguarci alle mode, come per la collezione dei Capasoni, enormi anfore tornate alla ribalta per far maturare il Primitivo vitigno autoctono del Tarantino. 

La possibilità di accontentare molti gusti, di poter creare tridimensionalmente le idee di designer e architetti o semplicemente di personalizzare qualsiasi manufatto è una peculiarità importante che attrae persone da tutto il mondo. Tantissime di queste, però, non si accontentano semplicemente del prodotto finito, ma cercano una narrazione. Vogliono assistere alla realizzazione, perché in un mondo impoverito dalla meccanizzazione c’è una ricerca spasmodica del prodotto artigianale, creato dalla fantasia e dalle mani dell’uomo, dalla sua fatica e dal suo talento.

Noi offriamo ai nostri clienti la possibilità di poter assistere alla creazione dei nostri oggetti, passaggio per passaggio. Ecco perché, prima di portare noi qualcosa nel mondo, è spesso il mondo che viene da noi. 

Per esempio, la collezione “Volto” è costituita da piatti piani con bordo martellato e differenti tipologie di decoro eseguito a mano con smaltatura a triplice cottura. Ogni pezzo è realizzato artigianalmente, dalla modellazione alla smaltatura, pertanto ogni imperfezione rappresenta un valore aggiunto per questo prodotto, rendendolo unico e indimenticabile”.

Tradizione e innovazione

Come si integra l’innovazione in questa maestria artigianale?

“Tutto viene creato rigorosamente a mano, cambia solo la destinazione d’uso affinché sposi le esigenze dei nostri clienti. Ogni manufatto è foggiato al tornio manualmente, dal più piccolo e semplice al più grande ed elaborato. Viene poi lasciati essiccare naturalmente, consentendo la lenta evaporazione dell’acqua residua contenuta nell’argilla. Solo successivamente, viene avviato ai forni per la prima cottura a 1000 gradi centigradi.

Smaltiamo le terrecotte immergendole a mano in vasche di smalti a soluzione acquosa e, se richiesto, decorate con differenti tecniche, dalle più tradizionali a quelle più contemporanee, per poi passare alla seconda cottura a 960 gradi. La quantità innumerevole di colori e decori, talvolta unici e irripetibili, ci consente di creare ogni giorno qualcosa. 

Ci avvaliamo del talento di dodici maestri formati da noi: tornianti e modellatori, plasmatori d’argilla, addetti alla cottura che si dedicano all’allestimento dei nostri forni, smaltatori e decoratori che rifiniscono gli oggetti con migliaia di decori e colori”.

La sfida

Quali sfide avete vinto e quali vi aspettano?

“Il lavoro è incessante perché per realizzare secondo le vecchie tecniche, riprese da nostro padre, ci vogliono tre cotture: per il biscotto, per lo smalto e la terza per fissare l’infinita sinfonia di colori che punteggiamo, graffiamo e schizziamo per avere solo pezzi unici. Quindi ogni giorno c’è una nuova sfida, anche perché le richieste dei clienti sono le più disparate, e questo è molto stimolante dal punto di vista creativo.

Diciamo che la sfida più grande che abbiamo vinto è stata quella di stare al passo coi tempi senza smarrire il bagaglio di esperienze e conoscenze che arrivano dal passato. Avere radici ben salde ci permette di far crescere alti rami in ogni direzione”.

Il sogno, la lezione

“Stiamo vivendo un periodo storico dove molte attività dipendono dalla qualità della connessione internet, e questo è sicuramente di grande aiuto in tanti campi. Ma questo non potrà mai sostituire la manualità, l’esperienza che si acquisisce con tante piccole vittorie e sconfitte sul campo. La mano che modella la terra, la pressione che fa su di essa seguendo un impulso della mente basato su un’intuizione precisa, questo non potrà mai essere sostituito e va salvaguardato.

Dicono che nostro padre sia ancora “pazzo d’amore per tutto quello che lo circonda, colore, materia e le infinite possibilità di applicazioni” ed è vero. Ogni giorno lui ci insegna a guardare avanti. Ci sprona a proteggere e a far crescere l’arte della ceramica, fonte di lavoro, creatività e cultura che dobbiamo tutelare, perché l’artigianato dà tridimensionalità alle nostre anime”.

Indicato a…
Chi vuole affondare le mani nella terra, nelle tradizioni più autentiche italiane e sentirsi al contempo proiettato verso un design unico e sempre contemporaneo.

Info

http://www.fasanocnf.it/

Scopri i creators con passioni affini

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *